Quelli che…..il vino

Mentre la ministra Teresa Bellanova è impegnata da mesi nella sua battaglia per regolarizzare migranti clandestini da mettere a disposizione delle aziende agricole quale manodopera a basso costo, come se, proprio in questa fase, gli italiani che hanno bisogno non esistessero, il mondo del vino si avvicina a rapidi passi alla nuova campagna vendemmiale. Ora, …

More

Il Salame, cibo sempre pronto

In questo periodo di domiciliari coatti, spesso e volentieri si apre il frigor, a tutte le ore; sovente purtroppo non troviamo quello che desideriamo, ma c’è sempre un cibo, graditissimo, a disposizione, mi riferisco al salame

IL SALAME

Ad ognuno il suo, ce ne sono di tanti tipi e per tutti i gusti e piacciono tutti a tutti. Il salame è una delle grandi eccellenze italiane esportate in tutto il mondo. Ogni regione del Bel Paese declina la ricetta in base alla sua tradizione unica, creando varianti anche molto diverse per lo stesso, invidiatissimo prodotto. La mia curiosità mi ha portato ad individuare alcune tipologie più diffuse e ad esaminare le varie differenze.

Come già spiegato, la ricetta del salame varia di regione in regione e il sapore può essere molto diverso in base agli ingredienti, al tipo di pasta (fine o grossa) e alla stagionatura. Anche la quantità di grasso dell’insaccato influisce molto sul sapore del salame.

Salame felino: il salame felino IGP, o salame di Felino (PR) è un pregiato insaccato proveniente dal paese chiamato Felino, in provincia di Parma. La sua denominazione IGP fà si che possa essere prodotto esclusivamente lì, viene stagionato per quasi un mese affinchè mantenga intatte le proprietà per cui è diventato così famoso.

salami-finocchionaFinocchiona: la Finocchiona IGP è un salame tipico della Toscana dal sapore fresco e aromatico. Oltre ai classici ingredienti del salame, vengono aggiunti aglio e finocchio per un gusto più intenso e caratteristico.

Salame Milano: proveniente dalla Brianza, questo salame ha un diametro più ampio del salame tipico nostrano ed è prodotto con un mix di carne suina e bovina. In base al peso ed alle dimensioni, la sua stagionatura può variare da 30 a 60 giorni. Di regola la sua grana è fine.

Salame piacentino DOP: come facilmente identificabile dal nome, questo salame viene prodotto nella provincia di Piacenza, con carni di maiali provenienti da Emilia-Romagna o Lombardia. La sua grana è grossa e i lardelli rosati in esso contenuti sono di dimensioni importanti. Sono proprio questi a rendere il sapore dolce e, al tempo stesso, avvolgente.

Salame di Norcia: prodotto tipico umbro. Il salame di Norcia, detto anche norcino, è un salame rustico che viene prodotto con vari tagli di carne di suino, come spalla, rifilature di coscia e pancetta. Viene stagionato in cantina per diversi mesi e presenta una grana media, oltre che un sapore intenso dato anche dall’aggiunta di vino agli ingredienti che lo rendono così buono.

SALAMINI-ITALIANI-ALLA-CACCIATORASalame cacciatore o alla “cacciatora”: diffuso su tutto il suolo italiano, il cacciatore vanta origini molto antiche. Secondo la tradizione infatti, esso costituiva il pasto dei cacciatori che lo custodivano nella bisaccia durante la caccia. Il salame cacciatore non deve essere confuso con i salami di piccole dimensioni. Ha un sapore dolce, è morbido e ricco di proteine nobili.

Strolghino: lo strolghino è tipico salame di Parma e Piacenza, ha piccole dimensioni ed è ottenuto dalla rifilatura del culatello e del fiocco di prosciutto di Parma DOP. Per questo il suo sapore è pregiato ed intenso. Di norma viene preparato a forma di ferro di cavallo e viene macinato fine. “Strolghino” deriva dal dialetto “strolga”, ovvero “indovina”; ai tempi passati veniva utilizzato per prevedere la qualità della stagionatura dell’anno che sarebbe arrivato.

Al Culatello, che non vogliamo dimenticare, dedicheremo un redazionale a parte più approfondito, come merita questo salame eccezionale.

Vespaiolo – vino di eccellenza

“E’ questo luogo celebre per i preziosi vini che vi si fanno e molto più, per la cortesia del padrone”. Sono parole del grande architetto veneto Andrea Palladio riferite all’amico conte Giacomo Angarano e alla sua splendida dimora, già all’epoca famosa per la bontà dei vini. La dimora è infatti, Patrimonio Unesco e fa anche …

More

Bresaola – un prodotto di montagna

Brutta fine per un prodotto della montagna: la bresaola La massificazione che negli ultimi anni l’ha portata al successo, l’ha trasformata però in qualcosa d’altro. Tanto di cappello agli industriali che, grazie a questo, hanno praticamente esportato il nome della Valtellina in tutto il mondo. Ma è lecito anche amare una dimensione originale della bresaola, …

More

La Scaletta – Rist. con cucina classica

  La Scaletta, la cucina classica d’autore A Cantù, dalla famiglia Terraneo, in un ambiente elegante, servizio impeccabile e piatti che mettono insieme fantasia e tradizione Gli anni di onorato servizio sono 40. Ma l’entusiasmo e la voglia di far bene sono da esordienti. “L’elisir di giovinezza” della famiglia Terraneo è l’affetto che unisce papà Luciano, mamma …

More

Un bicchiere di vino dà coraggio

Un calice di vino per scacciare le nostre paure Dopo una settimana a Roma a incontrare ristoratori, baristi ed enotecari posso assolutamente affermare che la strategia italiana contro il Coronavirus sa di tappo. Incertezza, approssimazione e il procedere a tastoni nel buio hanno spaventato 60 milioni di italiani: i contagi sono sotto controllo e largamente …

More

KERNER, meraviglioso vino nuovo

Vivere meglio, vuol dire anche bere bene. Con moderazione, ma puntando al massimo. Non ci obbliga nessuno a un vinello al giorno. Meglio un buon vino ogni tanto, ma di qualità emozionante. A seguire suggeriamo un bianco eccezionale, mai momento storico come l’attuale, è stato tanto fortunato per i vini bianchi, i migliori si fanno …

More

Spumante VS Champagne

Per gli amanti del buon bere è impossibile non notare la rapida crescita della domanda di spumanti, con l’italianissimo Prosecco a condurre la carica. Superata l’idea che essi debbano essere riservati solo alle occasioni speciali o ai compleanni. La crescente affidabilità e la qualità media elevata della maggior parte degli spumanti disponibili offrono a chi lavora …

More

Conoscere il vino e apprezzarlo

Il 23 gennaio p.v. a Pescara, all’hotel Esplanade si terrà il primo corso per conoscere e capire gli spumanti italiani. Guidano il corso Lamberto Vallarino Gancia, Andrea Zanfi e Giampietro Comolli I temi saranno dedicati anche alla importanza viticola e enologica, ai territori di origine, ai vitigni internazionali e autoctoni, alle differenze produttive e alle …

More

Tradimenti divini

In principio fu il Pinot: capriccioso, poco produttivo, instabile nel colore, eppure capace di regalare vini così eleganti e profumati. Mutevole per natura, ha dato origine al Pinot Bianco e al Pinot Grigio; incrociandosi, ha generato lo Chardonnay e forse il Traminer, dal quale derivano il Cabernet Sauvignon e il Merlot. In Italia ha per nipoti …

More